Archivi categoria: Bellezze carraresi

Visite FAI a Pontemanco

L1180828 - Copia
Tornano le Giornate d’autunno del FAI il 17 e il 18 ottobre: in Veneto saranno 28 i luoghi visitabili. Uno di questi è Pontemanco, borgo storico nato e cresciuto sulle sponde del Canale Biancolino grazie all’attività molitoria. Già Marsilio da Carrara, nel XIV secolo, ci testimonia attraverso il suo testamento l’esistenza di due postazioni di mulini. Dopo la caduta della signoria dei Carraresi e l’arrivo dei Veneziani, le ruote dei mulini arrivarono a 12 e attorno al Canale si insediarono numerose industrie e attività commerciali. Sono veneziane le Ville costruite una sulla sponda destra (Villa Sperandio) e l’altra su quella sinistra (Villa Pasqualigo Grimani Fortini). Adiacente a quest’ultima si gtrova l’Oratorio della Beata Vergine Annunciata, di proprietà della famiglia veneziana ma a disposizione di tutti gli abitanti del borgo, tanto che la porta principale si trova affacciata alla piazza principale.
Pontemanco potrà essere visitata sabato 17 e domenica 18 (dalle 10.00 alle  12.00 e dalle 15.00 alle 17.00); durata della visita 1 ora con turni ogni 30 minuti e gruppi di 15 persone al massimo. Prenotazioni esclusivamente on line al seguente link.

I LUOGHI DEL CUORE

L1180828 - Copia
L’Oratorio della Beata Vergine Annunciata è un piccolo edificio sacro – aperto al pubblico – situato nel pittoresco borgo di Pontemanco. Eretto in origine (la prima testimonianza è del 1548) come oratorio privato della adiacente Villa Pasqualigo (poi Grimani, ora Fortini), assunse già dal Seicento funzione di oratorio pubblico. L’edificio è un piccolo scrigno che incredibilmente conserva ancora al suo interno gli originali affreschi e decorazioni, le opere d’arte, gli arredi fissi e mobili, tutti databili all’ultimo quarto del Seicento, tanto da risultare quasi un unicum: vi persistono il ricco apparato decorativo barocco, insolitamente integro pur se molto degradato, rappresentato dagli affreschi parietali e dalla decorazione del cassettonato ligneo a soffitto; gli stalli lignei perimetrali; l’altare marmoreo con pala e busti lapidei; le acquasantiere in rame sbalzato; le mantovane in legno e cartone romano; il pavimento in cotto esagonale, ed una parte dei banchi ed inginocchiatoi da chiesa. La proprietà del bene è attualmente della Parrocchia di Carrara San Giorgio. Il complesso dell’oratorio e dell’adiacente villa nel 1993 hanno ottenuto il vincolo monumentale ai sensi della L. 1089/1939 da parte del Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali.
Quest’anno l’Oratorio della Beata Vergine Annunciata partecipa al Censimento FAI “I luoghi del cuore“. I beni culturali che otterranno più voti potranno accedere a contributi straordinari dedicati a interventi di restauro. La votazione può essere fatta on line attraverso il sito del FAI (clicca qui per il link diretto), oppure nel foglio firme presente in biblioteca.
FIRMA ANCHE TU PER AIUTARCI A PROTEGGERE L’ORATORIO DI PONTEMANCO.